Autodesk AutoCAD Mechanical

autodesk mechanical

Autodesk AutoCAD Mechanical

Autodesk AutoCAD Mechanical rappresenta il prodotto di riferimento per il disegno bidimensionale meccanico, ed è la risposta di Autodesk alle esigenze di progettazione meccanica.

AutoCAD vs AutoCAD Meccanico

Facendo un rapido confronto tra le funzionalità di progettazione contenute in AutoCAD ed in AutoCAD Mechanical, possiamo vedere come quest’ultimo metta a disposizione degli utenti una serie di strumenti finalizzati all’ incremento della produttività dei progettisti meccanici, come ampie librerie di contenuti standard, strumenti di calcolo e verifica dei componenti utilizzati, inclusa la possibilità di eseguire anche l’analisi delle sollecitazioni, e strumenti di dettaglio e annotazione dei disegni specifici per il settore meccanico. In particolare, Autodesk AutoCAD Mechanical mette a disposizione degli utenti le librerie dei principali elementi a commercio, richiamabili all’interno del software mediante l’utilizzo di appositi gruppi di comandi dedicati alla modellazione di unioni bullonate, fori, alberi e profilati metallici; nel caso delle connessioni bullonate ad esempio, sono disponibili i componenti e le lavorazioni necessarie per procedere con la loro completa definizione: è presente infatti un editor all’interno del programma che consente di richiamare a monitor i pezzi desiderati, in modo da poter procedere agevolmente col l’assemblaggio delle parti; inoltre, gli oltre 700.000 componenti presenti nelle librerie sono conformi con i principali standard normativi internazionali, pertanto i componenti assemblati saranno sempre conformi alle normative di riferimento per il paese nel quale si sta lavorando.

Autodesk AutoCAD Mechanical: strumenti di calcolo

Una volta che si sono definiti gli elementi che si intendono utilizzare nel progetto, è possibile disporre di strumenti di calcolo che consentono di verificare i componenti impiegati sia dal punto di vista strutturale, quindi con un confronto tra le sollecitazioni previste e le resistenze, sia dal punto di vista funzionale: ad esempio, nel caso di progettazione di un albero a camme, è possibile avviare una simulazione dinamica del componente per verificarne i meccanismi cinematici, e contestualmente procedere con l’estrazione di informazioni in tabelle e grafici, per monitorare l’evoluzione nel tempo ad esempio degli spostamenti e delle velocità in funzione delle condizioni operative previste. In alcuni casi, come quello delle lastre a spessore costante, è possibile eseguire un’analisi agli elementi finiti dei componenti che si stanno modellando: all’interno del software è infatti disponibile l’ambiente analisi FEA, dal quale sono disponibili comandi dedicati all’inserimento dei vincoli che caratterizzano le possibilità di movimento delle strutture, alla definizione dei materiali utilizzati e alla collocazione dei carichi previsti in sede di progetto; una volta definito il modello è possibile gestire la creazione della mesh, andando ad infittirla nei punti critici, ed infine lanciare l’analisi per l’estrazione delle informazioni desiderate, che vengono fornite con la consueta gradazione cromatica associata ad una legenda necessaria per la corretta interpretazione dei risultati.

Autodesk AutoCAD Mechanical: documentazione tecnica

Per quanto riguarda invece la produzione di documentazione tecnica, AutoCAD Mechanical, mette a disposizione strumenti rivolti appositamente alle annotazioni meccaniche, come ad esempio librerie dedicate ai simboli necessari per riportare in tavola le informazioni relative alle lavorazioni superficiali, alle saldature e alle tolleranze di lavorazione. Un altro esempio delle potenzialità del software CAD meccanicoè dato ad esempio dalla generazione automatica delle informazioni relative alle lavorazioni di foratura previste nel progetto: infatti ,una volta che i fori sono stati inseriti nel modello (e per fare questo è presente un gruppo di comandi dedicati appositamente alla definizione della tipologia di fori da utilizzare), è possibile indicare al software di gestire in maniera automatica sia la numerazione dei fori che la loro localizzazione rispetto ad un sistema di riferimento, oltre che naturalmente l’annotazione delle informazioni necessarie alla loro caratterizzazione, come la descrizione e lo standard normativo di riferimento. Le tabelle così create sono associative, ovvero si aggiornano in maniera automatica se uno o più fori che le popolano vengono modificati o cambiati di posizione all’interno del modello.

Autodesk AutoCAD Mechanical: distinte componenti

Altra funzionalità che Autodesk AutoCAD Mechanical consente di gestire in maniera automatica è la generazione di distinte componenti: infatti ad ogni componente del progetto può essere associato un riferimento contenente tutte le informazioni relative al componente stesso; il software utilizzerà poi i riferimenti creati per eseguire il conteggio dei componenti utilizzati ed andare ad estrarre le informazioni che sono state associate a ciascun elemento. I componenti standard contenuti all’interno delle librerie predefinite sono già associati ad un riferimento parte e ad un pacchetto di informazioni utili a caratterizzarli, ma è naturalmente possibile inserire riferimenti per qualsiasi altro elemento disegnato all’interno del progetto a cui si sta lavorando. Oltre all’elenco parti, l’AutoCAD per il settore meccanico, gestisce in maniera automatica anche la pallinatura automatica dei componenti.

Dal 22 Marzo 2018 AutoCAD Mechanical è compreso in AutoCAD.

Richiedi un preventivo